Paolo Deganello

Il nome di Paolo Deganello è legato indissolubilmente al design e all’architettura. la sua carriera è un continuo susseguirsi di successi sin dai primi passi.paolo_deganello

Nel 1963 inizia la sua attività come restauratore per un monumento molto prestigioso: la basilica di Orsanmichele a Firenze per conto della Soprintendenza ai Monumenti.
Dopo la laurea avvenuta a Firenze nel 1966, Deganello fonda un gruppo di architettura radicale che coincide con con la mostra Superarchitettura. Il gruppo è quello di Archizoom Associati che annovera, oltre a Deganello, altri nomi importanti come Andrea Branzi (Compasso d’oro nel 1987).
Il gruppo si scioglie nel ’74 ma le opere da esso prodotte sono state donate al CSAC dell’Universitá di Parma. Con i materiali utilizzati dal gruppo sono state allestite una mostra antologica al Politecnico di Losanna e un’altra all’Ospedale degli Innocenti di Firenze.

archizoom_associati

Dopo la fondazione del gruppo, inizia l’ascesa di Deganello al rango di design e progettista di grosso calibro. Tra i progetti di architettura restauro e recupero edilizio figurano il restauro del Teatro di Montecarotto nei pressi di Ancona, la casa Porto a Catania, la ristrutturazione e l’arredo di una piazza nel centro storico di Zurigo, restauro, ristrutturazione ed arredo casa colonica a Varano, la realizzazione di una grande cantina di 5000 mq interamente interrata per la produzione di vino a Can Rafols dels Caus in Spagna e numerose altre opere sparse in Italia.

paolo-deganello-zanotta

Tanti anche i progetti di disegno industriale tra i quali spiccano nel settore arredamento la Murrina e Zanotta, nel campo della moda Dressing Design e Stefanel, e per Manoel De Oliveira la sedia Intemporal realizzata interamente in materiali naturali.

intemporal-deganello

Paolo Deganello ha all’attivo anche numerose mostre alla Triennale di Milano, al Centro Pompidou di Parigi, all’Ace Gallery di New York e alla Casa della Cultura di Paredes dove ha allestito una mostra con materiali di trucioli riciclati.
Intensa anche la carriera accademica. È stato docente di Biodesign a Firenze, al Master di Design alla Domus Academy di Milano, all’ISIA di Roma, al Royal Art College di Londra, all’IUAV di Venezia ed in numerose altre città europee.
Alcune sue collezioni fanno bella mostra di sé in famosi musei come il Victoria and Albert Museum ed il Design Museum di Londra, il Mude di Lisbona, il Vitra Design Museum di Weil am Rhein e molti altri ancora.

Paolo Deganello è anche autore di numerosi saggi e articoli per riviste di design altamente specializzate come Domus, Casabella, Lotus, Casa Amica ed altre. Nel 2009 ha progettato la controproposta per l’Expo 2015 di Milano denominata Milano 2015 Expo Diffusa e Sostenibile.
La sua attività continua con proposte sempre nuove ed esclusive.