Smart Materials: Sensitive Fabric e Active Protection Systems

I nuovi tessuti Smart Materials sono materiali molto adattabili grazie alla loro capacità di riuscire a sfruttare le risorse naturali e di reagire all’ambiente in maniera piuttosto autonoma, secondo le strategie che sono tipiche della natura.
La progettazione degli ultimi anni ha prodotto materiali con una struttura chimico-fisica complessa i quali hanno ottime capacità dinamiche e innovative. Infatti sono stati progettati materiali con una complessità “gestita”, in cui le impurità e le anisotropie sono appositamente realizzate, grazie al supporto della chimica, per avere particolari prestazioni.

smart-materials

Si tratta di materiali che assumono aspetti diversi e proprietà originali, progettate su misura per precise funzioni: sono materiali “funzionalizzati”, che reagiscono alle sollecitazioni esterne grazie alle sostanze che modificano di volta in volta le caratteristiche chimiche e fisiche del materiale. Ultimamente lo sviluppo della chimica ha portato questa manipolazione al di là della dimensione macroscopica, operando sui materiali a livello di nanometro (1 miliardesimo di metro) e ricombinando la materia a partire dagli atomi. In questo modo si è dato origine a “compositi microscopici” che hanno prestazioni su misura, del tutto artificiali, ma molto stabili, efficienti e performanti, quasi quanto i materiali della natura.

sensitive-fabric

Il tessuto detto “Sensitive fabric” è fatto di un materiale con una maglia che è sensibile alla pressione. È costituito da due lati separati tra loro mediante un dielettrico: l’effetto è che, con la pressione sul tessuto, le facce vanno a toccarsi e chiudono il circuito elettrico.

active-protection-system

Il tessuto chiamato Active Protection Systems invece resta flessibile e morbido finché non ha un impatto forte. Il tessuto contiene un elemento “intelligente”, ossia un coating fatto di silicone, con una viscosità che aumenta in funzione della velocità di impatto. L’effetto è che il tessuto alla collisione si irrigidisce immediatamente ma, dopo l’impatto diventa subito nuovamente flessibile.