Le origini del Design

“Qualsiasi cosa tu studi, scoprirai che le cose buone e utili sono anche graziose e belle” Castiglioni così intendeva il Good Design, oggetti che oltre a essere utili potessero anche gratificare il senso estetico del fruitore. Il tema Design è un’arte nuova che si ricollega al vecchio artigianato, la parola deriva dall’inglese “progettazione” e coinvolge tante cose come il cinema, l’architettura e la musica; in Italia è un campo quello del Industrial Design limitato invece all’arte manifatturiera e quindi alla cultura materiale.

bdwn_arco_lamp

Lampada Arco di Castiglioni

Le origini del Design si possono sicuramente far risalire alla rivoluzione industriale e alla nascita della produzione meccanizzata che viene periodizzata dalla metà del 700 alla metà dell’800. Le popolazioni si trasferiscono in massa nelle città facendo aumentare la domanda in modo esponenziale. Ma i contadini erano poco educati all’estetica dell’oggetto e l’ industria per andare incontro al semplicismo di questi nuovi acquirenti inizia a produrre oggetti a scarso valore qualitativo. Il trinomio qualità, quantità e giusto prezzo ebbe il primo ostacolo nel fatto che bisognava andare incontro al gusto del nuovo utente, ricopiando oggetti del passato, con la differenza che gli oggetti creati dall’industria erano di gran lunga lontani  da quelli fatti in passato in modo artigianale.

chaplin_2

Tempi moderni

Da questo nasce un movimento Arts and Crafts da William Morris che insieme ad altri architetti promuovevano il ritorno al medioevo dove il lavoro dava gioia “The joy in the labor”. Questo movimento non riuscì a vincere però il nuovo rapporto con il pubblico e lo stesso Morris capì che bisognava non ostacolare la macchina ma qualificare il nuovo prodotto in base alla tradizione estetica piuttosto che accontentarsi di copiare oggetti di un’altra civiltà.

morris_st_george_cabinet

Oggetti Arts and Crafts da William Morris

Il Design vede la sua radice teorica nel tentativo di unificare l’interesse intellettuale, pratico e commerciale nella nascita di una delle scuole più famose, fondata da Gropius nel 1919 il Bauhaus che fu nido di grandi maestri e apprendisti che misero in atto una vera e proprio rivoluzione culturale e politica. Gropius si avvicina all’idea di capitalismo industriale e alle idee di Henry Ford solo quando la scuola viene trasferita a Dessau, fino ad allora sostenne l’unità delle arti e stimolò la nascita di laboratori. Ma la storia di questa formidabile scuola si spense durante la seconda guerra mondiale lasciando un’eredità di forme e idealismo.

Bauhaus

Nel secondo dopoguerra le tendenze razionalistiche della progettazione si evolvono, e l’incessante aumento della capacità produttiva dell’industria contribuisce a diffondere l’idea di una progettazione che favorisce la deriva consumistica attuale. Si sono succedute ed esistono numerose scuole di design, che si differenziano per approccio, metodologia progettuale e collocazione geografica, tanto che si sente parlare spesso di design italiano, giapponese, tedesco ecc., ognuno con caratteristiche ben riconoscibili.

Poltrona Wassily

Poltrona Wassily

About these ads

2 thoughts on “Le origini del Design

I commenti sono chiusi.